martedì 20 dicembre 2011

Buone Feste

 Natale 2011
Augurissimi a tutti cari Amici Blogger , Vi auguro un sereno Natale  a Voi e Famiglia. 
Una parentesi di vacanza all'insegna della gioia e allegria non guasta. 
I problemi come al solito sono tanti , accantoniamoli per qualche giorno e godiamoci le festività Natalizie in santa pace.
Un affettuoso abbraccio a tutti.  Giovanni. 


Video corretto il 22/12/2011, un fotogramma  era stato sovrapposto per errore  durante il montaggio. 
Mi scuso molto con i 5 nominativi del primo fotogramma a forma di albero di Natale.


Ora giocate con questi link  usando il mouse , il primo scoppiando i palloncini , il secondo facendo intervenire i vari componenti del gruppo nella canzonzina natalizia.
http://www.icq.com/img/friendship/static/card_16961_rs.swf
card_16959_rs.swf (Oggetto applicationx-shockwave-flash)

Auguri anche da Alice e Rocky
Camilla con suo figlio Winnie (bianco) , che purtroppo è mancato l'anno scorso.

venerdì 16 dicembre 2011

 Brani magici

Vi auguro un buon fine settimana lasciandovi sognare con questo magnifico brano musicale. 
Non ho molto tempo di postare in questi giorni che precedono le Festività Natalizie.
La  prossima settimana visiterò i circa 170 blog dei miei contatti per porgere  gli auguri a tutti.


Buon Weekend a tutti !

sabato 10 dicembre 2011



Pausa festiva , Buon weekend a tutti

venerdì 9 dicembre 2011

Fango gratis

Cari Amici blogger sono stato accusato ingiustamente di aver pubblicato abusivamente la poesia di Fiorella Carcereri " C'è qualcosa" Chi mi conosce bene  può confermare che non ho mai rubato niente a nessuno , inoltre le mie posizioni sul furto intellettuale sono note a tutti.
Provo grande amarezza  per questa insinuazione, in quanto la poesia in questione non è mai entrata nel mio blog !
Ricordo di averla letta gradita, e commentata nel blog di un  mio contatto , dove ne era anche citato il nome dell'autrice.

Quanti di Voi Amici che frequentate il mio sito quotidianamente avete letto la Poesia " C'è qualcosa " nel mio blog?   Mai e poi mai farei una cosa del genere. Sono gelosissimo delle mie poesie , figuriamoci se  posto abusivamente quelle degli altri! Ho notato  nella ricerca google un minestrone di nomi e collegamenti senza nessun senso logico, chi visita un sito e commenta un post,  nella ricerca viene scambiato come l'autore del post e non come commentatore, per chiarire , basta cliccare sopra e controllare.
Non credo sia una buona cosa accusare senza dimostrarne le prove.
A mente fredda,  penso sia  un impostore e non l'autrice della poesia ad aver lasciato quei messaggi , a me, Lorenzo e Rosa. 
Mi auspico un chiarimento.














martedì 6 dicembre 2011

Equità


 Sacrifici per tutti ? ... No, Tu , No!

 Governo Monti ? Le belle parole di lacrime e sangue distribuite equamente per tutti sono rimaste solo parole , di equo si vede niente.  Colpite pensioni e lavoratori , di patrimoniale non se ne parla , in quanto alla reintroduzione dell’ICI , come mai riguarda tutti  meno la Chiesa Cattolica? E' forse una misura equa questa? Vi siete dimenticati dei circa 30mila mila immobili ecclesiastici sparsi per il Paese  adibiti ad attività imprenditoriali ? Non andiamo per niente bene...  Si chiedono sacrifici sempre agli stessi. 
Sostituito il direttore d'orchestra , ma la musica è sempre la stessa!
Delusione totale , ero fiducioso nei confronti di questo governo , soprattutto considerando  ciò che avevamo alle spalle , purtroppo mi sono ricreduto.

Usiamo questo mezzo di informazione per dire No! ai  governi che bastonano solo sempre i soliti.  
Il governo Monti mi auspico cada al più presto possibile.  
Gli Italiani intanto non versino più l'8 per mille alla chiesa. 
 Suggerisco inoltre una rivolta di tutti i contribuenti ICI. Non pagare finche' non verra' applicata l'ICI anche al patrimonio immobiliare della chiesa.

 

lunedì 5 dicembre 2011

Quattro risate

Ripropongo questo video per  ridere un pochino...basta cose tristi.


sabato 3 dicembre 2011

Pathos


martedì 29 novembre 2011

Images from dreams




Sunset Horse


    
    image /adamus 29/11/2011

Ciao Lucio



Ribelle sempre ... Anche con la morte!


Lucio Magri, fondatore del manifesto e grande protagonista della Sinistra Italiana ci ha lasciati. 
 Depresso per la morte della moglie Mara , ha deciso di porre fine alla Sua vita , recandosi venerdi scorso in Svizzera per il suicidio assistito.

Penso che il vuoto enorme che può lasciare una Persona tanto amata nella vita sia sufficiente per giustificare questo gesto estremo. Non si scandalizzino troppo gli idealisti del vivere ad ogni costo, tanto non arriveranno mai a capire, che si possa anche decidere come e quando iniziare il grande sonno. 
Ciao Lucio,  vecchia volpe, quanti bei ricordi , un abbraccio.

lunedì 28 novembre 2011

Dal diario di un marito






Shopping con la moglie

Noi maschietti siamo sempre terrorizzati dallo shopping con la moglie. Quando sentiamo odore di acquisti ci nascondiamo sempre dietro qualche scusa  per scantonare l’infausta impresa.
Purtroppo, per il quieto vivere , qualche volta bisogna pur cedere  , e qui iniziano i guai.
Nell’arco della mia lunga carriera maritesca  ho assistito a  cose inverosimili ; negozi rivoltati come calzini per trovare un articolo che potesse soddisfare la cliente, commesse esauste  in preda a crisi di nervi che tentavano il suicidio ingoiando forbici , mariti agonizzanti per disidratazione da attesa.
Da buon esperto in materia che sono, grazie alle molte esperienze acquisite in anni di tirocinio, quando devo accompagnare mia moglie per lo shopping , non mi separo mai dal mio zainetto di emergenza.
All’interno dello zainetto, potete trovare tutto l’occorrente necessario per affrontare qualsiasi evenienza , dai comuni disinfettanti e cerotti , al defibrillatore cardiaco , integratori salini , valium , antiepilettici , manette , corde da scalata , scorte alimentari di prima necessità e anche una bussola , necessaria per trovare l’uscita in certi megastore.
Ricordo di un bimbo di 5 anni  smarrito in un enorme supermercato , fortunatamente  allevato   nei sotterranei del centro commerciale dal personale dei magazzini , fu  poi ritrovato dai genitori appena maggiorenne.
Ricordo un altro episodio alquanto spettacolare nel super mega store “ Compra & Ben “. Un grattacielo di 20 piani con ogni ben di Dio che possiate immaginare, c’è proprio di tutto. Ebbene , ero con mia moglie  al 18 piano per acquistare delle mollette per stendere la biancheria. Mentre mia moglie sceglieva tra le 6000 varietà di mollette, sentii un boato tremendo seguito da urla concitate provenire dal basso dell’edificio ….Una rivolta era scoppiata al piano inferiore , clienti inferociti urlavano minacciosi slogan tipo … “ Vogliamo il prodotto in volantino, se no spacchiamo tutto  fino a mattino! ” oppure … “ Non c’è lotta non c’è conquista, senza l’offerta per la provvista!”   Cinquemila poveretti reclamavano la merce scontata promessa , che aimè era esaurita.
Il direttore del centro commerciale accorso con urgenza , venne bersagliato da una gragnuola di mozzarelle di bufala e poi preso come ostaggio. 

Le prime barricate di carrelli per la spesa  iniziavano a formarsi , impossibile l'accesso ai piani inferiori per guadagnare l’uscita. Intanto venivano nominati degli improvvisati capi guerriglia , riconoscibili da fascette al braccio di fortuna  ricavate nel reparto salumi.
 La guerriglia durante la notte si fece sempre più cruenta , inutili le promesse di punti spesa omaggio invocati dagli altoparlanti. La situazione ormai era sfuggita ad ogni controllo , non rimaneva che sperare nel rifornimento delle merci.
Gli animi si placarono solo il mattino seguente , quando una colonna di furgoni portavano i prodotti in offerta speciale promessi nel volantino.
Mia moglie non si accorse di nulla. L'aspettai  ancora  qualche minuto , poi felici e contenti ci avviammo verso casa , alle spalle... Fumo nero e  macerie. 

Alla prossima!
adamus 28/11/2011

sabato 26 novembre 2011




Buon weekend a tutti!

giovedì 24 novembre 2011

Non è mai troppo tardi


Ho ricevuto questa mail molto simpatica, non ci crederete... Devo essere sincero , mi sono riconosciuto in molti di questi passaggi.
ADDESTRAMENTO PER SOLI UOMINI

CORSI AUTUNNO/INVERNO PER UOMINI AL CENTRO CORSI PER ADULTI ,ISCRIZIONI APERTE FINO AL 31 MARZO 2012.
ATTENZIONE: PER L’ALTO LIVELLO DI COMPLESSITA’ DEGLI ARGOMENTI TRATTATI,I CORSI SARANNO LIMITATI  AD UN MASSIMO DI 8 PARTECIPANTI

Classe 1a
Come riempire i contenitori per i cubetti di ghiaccio e porli nel congelatore senza bagnare il pavimento. Lezione passo a passo, con presentazione di diapositive.
4 settimane, 2 ore, LunedÏ e MercoledÏ, inizio h. 19.

Classe 2a
Il Rotolo Di Carta Igienica: Si Sostituisce Da Solo? Tavola Rotonda.
2 settimane, 2 ore, Sabato, inizio h. 12:00. 


Classe 3a
E’ Possibile Urinare Usando La Tecnica del Sollevamento della Tavoletta ed Evitando di Sporcare Pavimento, Pareti e Oggetti Vicini?
Pratica di Gruppo.
4 settimane, 2 ore Sabato, h. 10:00.

Classe 4a
Dopo i Pasti i Piatti Possono Levitare e Volare da Soli Fino al Lavello?
Visione di Videocassette.
4 settimane, MartedÏ e GiovedÏ, 2 ore, h. 19:00.

Classe 5a
Perdita Di Identità: Passare il Telecomando della TV alla propria Compagna.
Aiuto in Linea e Gruppi di Appoggio.
4 Settimane, VenerdÏ e Domenica, h. 19:00.

Classe 6a
Imparare A Trovare Oggetti Cominciando Con: Ricerca Nei Luoghi Corretti senza Urlare nè
Gettare all’Aria La Casa.
Discussione Aperta.
LunedÏ h. 20:00, 2 ore.

Classe 7a
Attenzione alla Salute: Portare Fiori Alla Propria Compagna Non Fa Male Alla Salute.
Grafici e Audiocassette.
Tre serate: LunedÏ, MercoledÏ, VenerdÏ, h.19:00, 2 ore.

Classe 8a
Gli Uomini Veri Chiedono Indicazioni Quando Si Perdono Testimoni Di Vita Reale.
MartedÏ h. 18:00. Luogo da Definire.

Classe 9a
E’ Geneticamente Possibile Non Dire Niente Mentre Lei Parcheggia l’Auto?
Simulazioni Pratiche.
4 settimane, sabato sera, 2 ore.

Classe 10a
Imparare A Vivere:
Differenze Basilari Fra Una Madre e Una Moglie. Lezione frontale e giochi di ruolo.
MartedÏ h. 19:00. Luogo da stabilire.

Classe 11a
Come Essere Il Compagno Ideale Per Gli Acquisti
Esercizi di rilassamento, Meditazione e Tecniche di Respirazione.
Riunioni per 4 settimane, MartedÏ e GiovedÏ,
2 ore, h.19:00.††

Classe 12a
Come Combattere L’Atrofia Cerebrale Ricordandosi Compleanni, Anniversari
e Altre Date Importanti e Avvisando Quando Si Ritarda.
Disponibili Sessioni di Terapia con Elettroshock e Lobotomia Totale.
Tre Serate: LunedÏ, MercoledÏ, VenerdÏ h. 19:00, 2 ore.

Classe 13a
Il Forno: Che Cos’è questo sconosciuto e Come Si Usa? Dimostrazione Pratica.
MartedÏ h. 18:00. Luogo da stabilire.

I Diplomi verranno consegnati solamente ai sopravvissuti.

Mia moglie mi ha già iscritto al corso , speriamo di farcela.

lunedì 21 novembre 2011

blog in manutenzione


 Cari Amici blogger sto aspettando la verifica di google, il mio blog è segnalato come malefico?
Secondo me è una bufala, qualche simpaticone ha segnalato il mio blog come pericoloso a google.
 Ho fatto tutta la procedura , aspetto la rimozione degli avvisi che avverrà dopo i vari controlli.
A presto.

sabato 19 novembre 2011







Buon weekend a tutti

martedì 15 novembre 2011

Elezioni subito? No ! grazie.




Una follia  elezioni anticipate in questo momento e con questa legge elettorale

 Spiego le mie motivazioni in quattro punti del perchè sono contrario ad elezioni immediate

1) Si andrebbe al voto con la vecchia legge elettorale, una vera troiata, in quanto le liste  bloccate privano gli elettori del diritto di scegliersi i propri rappresentanti.
Questa insulsa legge figlia di Roberto Calderoli , fu votata da tutto il centro destra compatto,  non a caso  battezzata “ porcellum “ da Giovanni Sartori.
Un milione e duecentomila  firme sono nel cassetto pronte per il referendum abrogativo.
 Il governo tecnico di transizione  non può certo ignorare questa volontà popolare.

2) Solo nel  primo trimestre 2012, per  rifinanziare il debito pubblico  bisogna piazzare 91 miliardi di euro.  In piena campagna elettorale nessuno mai comprerebbe titoli di stato da un Paese in crisi e sotto elezioni...  Come paghiamo  i dipendenti pubblici? Chiudiamo ospedali ,  scuole ,  asili, poi a seguire banche  , fabbriche e negozi.... Improponibile,  quei soldi sono troppo fondamentali !

3)  Immaginate una campagna elettorale in questo momento, i partiti  per  ottenere il voto che diavolo possono raccontarci ? Votateci ,  Vi faremo un mazzo così ! Oppure  non Vi faremo il mazzo (balla sacrosanta) , ma  bla bla bla. Oppure ,  vi faremo il mazzo, ma con l’anestesia. Altri diranno che toglieranno il bollo auto , i pedaggi autostradali , chi più ne ha più ne mette, il tutto con i mercati in subbuglio.  I partiti  in campagna elettorale promettono  sempre mari e Monti … Visto che Monti è già una certezza , non rompete i marroni.

4) Irrinunciabile la  necessità di un Governo tecnico , la quale dopo aver affrontato le cose urgenti ci conduca alle elezioni.
Ovviamente tale Governo deve essere guidato da una  Persona seria , che sappia  restituire   fiducia agli  investitori e adotti misure necessarie,  ma eque .
Tutti devono sborsare in base alle proprie possibilità , non devono pagare sempre i soliti poveri diavoli.

Conclusione.
 Mi auspico una nuova legge elettorale, una patrimoniale, evasione fiscale, una limata ai privilegi della casta, (qui sarà dura)  non vengano toccate le pensioni di anzianità ,  depennare  la voce licenziamenti.  Insomma , sistemare un po’ i conti ,  poi tutti al voto , con una  nuova legge elettorale e senza il fiato sul collo dello spread (che parola odiosa).
Questo governo deve essere appoggiato da tutti i partiti politici , ritengo  un atto  irresponsabile  ostacolare questo governo sul nascere.

Mi dissocio totalmente da chi inneggia  " Elezioni subito!... I  governi li  decide il popolo sovrano ! "Belle parole d'effetto , ma  in questo ultimo ventennio  le scelte del popolo sovrano  sono quelle che ci hanno messo a carponi … In piena emergenza economica , non possiamo correre il rischio del voto popolare regalato al primo imbonitore di passaggio.
Un po’ di autocritica non guasta , se vogliamo una società migliore dobbiamo prima migliorare  Noi stessi , e soprattutto fare tesoro degli errori commessi. Informiamoci , informiamoci e informiamoci  prima di votare , un Popolo informato nessuno lo frega più!

sabato 12 novembre 2011

Hip hip hurra!


domenica 6 novembre 2011

Scatti nella natura

Nei giorni scorsi , approfittando delle ultime  bellissime giornate,  ho fatto il mio consueto giro in mountain bike all'interno del parcoLa Mandria " In questo meraviglioso e più grande parco recintato d'Europa  la  natura è ancora incontaminata. Nel parco è possibile vedere molte specie di animali , respirare aria pulita e gustarsi un delizioso silenzio. Ultimamente non perccorro i pittoreschi vialetti in tenuta da running , il ginocchio destro mi ha dato l'ultimatum , (basta correre, oppure Ti lascio per sempre).  Vai a capire le articolazioni, carattere scorbutico e vendicativo, meglio assecondarle. 
Ho scattato qualche fotografia da condividere co Voi. Mi scuso se la visualizzazione non sarà corretta , foto fuori misura e con testi mancanti. La colpa non è mia , io uso il browser firefox, per cause incomprensibili di guerre intestine tra browser internet  la visualizzazione può essere condizionata negativamente dal browser usato dall'utente, se diverso dall'autore del post.

Il trionfo dell'autunno

 Il mio viale preferito, qui il silenzio regna sovrano, adatto per rigenerare la psiche

Questa è la cascina Rubianetta , ex Emanuella , fatta costruire nel 1862 da Vittorio Emanuele II , ristruttrata e portata al suo antico splendore è ora sede del Centro internazionale del cavallo.
La Fondazione Centro Internazionale del Cavallo è costituita da Regione Piemonte , Università degli Studi di Torino , Unione Nazionale Incremento Razze Equine e Federazione Italiana Sport Equestri , e persegue le seguenti finalità: formazione professionale , formazione universitaria e post-universitaria , preparazione sportiva , ricerca scientifica per il benessere del cavallo , polo culturale , espositivo , didattico , ricerca e ippoterapica.


Questa è la palazzina di caccia  " La Bizzarria " chiamata comunemente la Bela Rosin (bella Rosina) Vittorio Emanuele II la fece costruire nel 1861 dedicandola  alla moglie morganatica Rosa Vercellana.

Questo è uno dei tanti prati  del centro internazionale del cavallo , guardate che meraviglia , nello sfondo le montagne delle Valli Di Lanzo

Questo è un tratto dei meravigliosi viali del parco, nello sfondo si scorge la chiesa di San Giuliano

Questa è la Chiesa di San Giuliano, venne edificata nel XII secolo legata alle proprietà dell'abbazia benedettina di san Giacomo di Stura.

Qui ho giocato un po' con la fotocamera,sembra l'inbrunire , in realtà sono le 10 del mattino
Qui si sta mettendo  male , meglio andare a casa

lunedì 31 ottobre 2011

Imprese impossibili


 Come riuscire parlare con un operatore Tim?



Se tutto fila liscio, tramite il sito della Tim si risolve quasi tutto, ma Ahiahiahi! Se per caso avete necessità di parlare con un operatore sono guai seri , credo sia più facile scalare l'Everest.
Se volete provare , prendetevi  mezza giornata di tempo, chiamate il 119 , sentirete una vocina  che Vi farà  digitare tutti i numeri della tastiera  , sentirete tutte le opzioni immaginabili , ma il fatidico numero 0 , per parlare con l'operatore ... Neanche l'ombra.  Dov'è mai sarà finito? 
Ieri mattina  sono stato al telefono molte ore per tentare l'impossibile , con una mano tenevo il cellulare all'orecchio , con l'altra stringevo un ferro di cavallo, ho bevuto anche 6 litri di camomilla... Niente da fare! Mi sono arreso all'imbrunire. 
Ho passato una  notte insonne , piena di incubi , dove una vocina mi ripeteva con il crescendo del bolero di Ravel ... Premere il tasto 1, premere il tasto 3 , 5 , 8 , 1 , 6 , 7, 8 , 1, 5 , 6 , 4 . 
Ho rimediato solo due enormi borse sotto gli occhi , adatte quasi per fare la spesa. Ora Basta! Basta! Basta! Voglio ritornare ai vecchi tempi , e al vecchio telefono , quello dove le dita si incastravano dentro , ma dal quale contattare un operatore telefonico era possibile.
Signor Tim , cosa aspetta a restituirci il nostro operatore telefonico ? La concorrenza incalza , che cavolo fate? Volete perdere tutti i clienti?

sabato 29 ottobre 2011

Alluvione

 Un piccolo aiuto agli alluvionati della Liguria e delle Toscana. Inviamo subito un messaggio al 45500, grazie.


mercoledì 26 ottobre 2011

Avvoltoi sempre



Gallina vecchia fa buon brodo

Sembra incredibile , la panacea per tutti i mali sono sempre e solo le pensioni. Gira e rigira tornano sempre su quell'argomento. Vi immaginate una Persona di 67 anni con acciacchi vari recarsi al lavoro, magari con i figli a casa disoccupati ? Eh..eh.. ridicolo no?  Ma in Italia tutto è possibile.
Intanto l'agognata patrimoniale, invocata quasi da tutti e che risolverebbe sia  il problema di reperire danaro e sia come buon esempio di giustizia sociale ...  Neanche l'ombra! Di evasione fiscale se ne parla spesso, ma in realtà si fa sempre poco o nulla. Dare una sforbiciata seria ai privilegi della casta... " abbiamo già dato, dicono", ma i privilegi rimangono ancora scandalosi. Meno male che ci sono le pensioni , dove la fantasia dei Governi di turno si sbizzarrisce sempre puntualmente...  Naturalmente solo le nostre di pensioni.
Aggiungo, la vergogna delle vergogne rimane sempre questa… Leggete sotto  una cosina  che a suo tempo non è stata molto pubblicizzata, ma in questo frangente va divulgata come merita!



 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------
In Italia pensioni d’oro per i deputati
Vanno in pensione a 3000 Euro al mese con solo 5 anni di contributi. E quando uno di loro propone di eliminare questo privilegio assurdo rispondono NO in 498 e SI  in 22,:  6 radicali  e quelli dell'Italia dei Valori.
Il giorno 21 settembre 2010 il Deputato
Antonio Borghesi dell'IdV ha proposto l'abolizione del vitalizio che spetta ai parlamentari dopo solo 5 anni di legislatura in quanto affermava cha tale trattamento risultava iniquo rispetto a quello previsto dai lavoratori che devono versare 40 anni di contributi per avere diritto ad una pensione. Indovinate un po' come è andata a finire.
Presenti 525
Votanti 520
Astenuti 5
Maggioranza 261
Hanno votato sì 22
Hanno votato no 498)

------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Che ne dite? Tutti uniti e compatti, destra , sinistra e centro, solo in 22 hanno votato a favore per abolire questo assurdo e vergognoso privilegio. Meditate Gente, meditate.


martedì 25 ottobre 2011

La fabbrica del sorriso


Non sono d'accordo con la levata di scudi contro l'ironia non trattenuta della Merkel e Sarkozy nei confronti di berlusconi.
Certo , si poteva anche evitare , ma a volte diventa difficile trattenere il sorriso in certe situazioni.







Questo è il nostro presidente del consiglio nella foto ricordo di un vertice  Europeo ...  E allora ? Di che si lamentiamo ?
Gli Italiani con  spirito patriottico e attaccamento alla bandiera non devono sentirsi offesi per questi sorrisi ironici , non erano  rivolti all' Italia , ma ad una sola persona , che attualmente  in base agli ultimi sondaggi  non rappresenta più la maggioranza degli Italiani.
Noi Italiani , al massimo possiamo suscitare compassione , non certo ilarità.


lunedì 24 ottobre 2011

Marco Simoncelli


Addio indimenticabile Ragazzo e Campione

mercoledì 19 ottobre 2011

Favolosi anni 70


Un po' di musica alla come dico Io!



Questo magnifico brano dei Creedence Clearwater Revival si chiama " Proud Mary " è stato creato nel 1969 , ben 42 anni di età ! Ditemi se riuscite a stare fermi durante l'ascolto... A me risulta impossibile! Grandi ! Grandi ! Grandi ! Ascoltatelo con il volume a manetta e gli occhi chiusi, eh..eh..

martedì 18 ottobre 2011

Addio Andrea Zanzotto


Il grande Poeta Veneto ci ha lasciati

Con la scomparsa di Andrea Zanzotto perdiamo sicuramente  uno dei pilastri della poesia contemporanea. 
 Aveva appena compiuto novantanni , l'11 ottobre c.m.  Nel ricordarlo affettuosamente, pubblico l'intervista fatta da Marco Alfieri al Poeta per il quotidiano . " La Stampa " pochi giorni prima della sua morte. 



Cultura10/10/2011 - INTERVISTA

Andrea Zanzotto
"Che imbroglio la Padania"



Il più padano dei poeti italiani compie oggi 

novant'anni e non rinuncia all'indignazione: 

"I leghisti fabbricano spettri"

MARCO ALFIERI
INVIATO A PIEVE DI SOLIGO
Qui nell’alta marca trevigiana ci sono piccole zone incontaminate che resistono. Posti dimenticati come Refrontolo che hanno una felicità in sé e conservano un loro incanto. Ma ormai non si può più nemmeno pensarlo, il vecchio Veneto. In giro c’è una ferocia tale che si esprime in un impulso alla velocità, alla fretta…» dice il poeta Andrea Zanzotto. Oggi compie 90 anni e per l’occasione verrà presentato un libro celebrativo intitolato Nessun consuntivo con un saggio di Carlo Ossola, contenente una lettera del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Da Pieve di Soligo, da quel mondo collinare che ha fatto da fondale ai quadri eterni di Giorgione, Tiziano e Tintoretto, poi devastato dall’industrializzazione selvaggia e dai capannoni del mitico Nord Est, il più cosmopolita dei nostri poeti continua a guardare alle cose del mondo e a tutti noi. Non senza rovelli e nuovi spettri. Zanzotto, a casa sua, è seduto al centro di un piccolo divano, coperto da un berretto rosso e un plaid marrone. Il suo viso è scavato dall’età e dagli acciacchi, ma gli occhi si muovono vispi. La testa mobile e curiosa, da indignato cronico.
 

È vero che segue da vicino la crisi finanziaria mondiale?
«Questa modernità cannibale mi ossessiona. La stoltezza che circola si palpa come un vento».
 
«In questo progresso scorsoio, non so se vengo ingoiato o se ingoio…», scrisse qualche tempo fa. Aveva forse previsto tutto?
«La mia cultura è soprattutto letteraria. Per questo mi trovo a inseguire delle realtà con il dubbio di non raggiungere nessuna e benché minima formulazione di un quadro attendibile. C’è qualcosa di azzardato e di friabile in questo nostro presente che sento di non poter controllare».
 
Se per questo anche gli economisti non hanno previsto nulla. Zanzotto lei è in buona compagnia…
«Questo è vero. In alcuni momenti credo di poter formulare qualcosa di abbastanza stabile. Forse è soltanto il potere della poesia a far sì che riesca a mantenere un contatto con il mondo nonostante il senso di disappartenenza in cui mi trovo costretto a vivere, anzi a sopravvivere. Ma poi mi accorgo che anche questa è un’illusione. Tutto è pressappoco e ci si trova con il fumo nelle mani…».
 
Lei parla di illusioni. Però le sue battaglie contro la cementificazione selvaggia che si sta mangiando mezza pianura del Piave, sono fatti molto concreti. Qui a Pieve di Soligo si ricordano tutti quella, vinta, a difesa del prato di via delle Mura. Doveva nascere un mega palazzetto, lei è riuscito a fermare le ruspe…
«La mia non è una battaglia antimoderna ma un fatto di identità e civiltà. La marcia di autodistruzione del nostro favoloso mondo veneto ricco di arte e di memorie è arrivata ad alterare la consistenza stessa della terra che ci sta sotto i piedi. I boschi, i cieli, la campagna sono stati la mia ispirazione poetica fin dall’infanzia. Ne ho sempre ricevuto una forza di bellezza e tranquillità. Ecco perché la distruzione del paesaggio è per me un lutto terribile. Bisogna indignarsi e fermare lo scempio che vede ogni area verde rimasta come un’area da edificare».

 
Un’altra battaglia che combatte da anni è quella contro l’imbroglio della cultura leghista…
«Mi ha fatto molto piacere sentire il Capo dello stato riaffermare l’unità d’Italia e liquidare certi giochi di parole che negli anni avevano creato un imbroglio. La Padania non esiste, il popolo padano neppure. Questa è una storia più che ventennale di equivoci e spettri. La riaffermazione di Napolitano potrà darci il senso di una tregua. E sono convinto che piano piano questo fantasma sparirà».

 
Eppure nei comuni qui attorno, in questi luoghi del quartiere del Piave sacro alla patria – Moriago e Nervesa della Battaglia, il Montello degli ossari dove correva la linea del fronte della Grande Guerra, l’isola dei morti dove il 26 ottobre 1918 gli arditi sfondarono le linee austriache - la Lega e la sua retorica anti italiana fanno il pieno di voti da anni, com’è possibile?
«Perché esiste una contraddizione molto forte tra la tradizione dell’Italia una e indivisibile e un paese reale diviso dal punto di vista economico. Questo dualismo lasciato marcire per anni ha confuso i piani producendo l’imbroglio di due paesi altri tra loro. Arrivando all’equivoco padanico».
Invece riaffermare nel corso del suo 150esimo anniversario l’unità d’Italia è stato come un urlo liberatorio. Come se Napolitano avesse gridato: “il re è nudo”, sgonfiando d'incanto la retorica secessionista.
«Il viaggio in Italia di Napolitano in occasione del 150˚ anniversario dell’unità ha come riscoperto un patriottismo sopito. In precedenza si era sottostimato quel che era il bisogno di proclamazione unitaria».
In effetti anche l’ex sindaco di Treviso, Giancarlo Gentilini, al dunque si rimette in testa il cappello da alpino e sventola il tricolore. Il sindaco di Verona Flavio Tosi pure. Continua però l’abuso del dialetto, strumentalizzato a fini politici dai dirigenti leghisti…
«La riaffermazione di Napolitano spero dipani anche questo grande equivoco identitario. Come ci ricorda Gian Luigi Beccaria nel suo splendido libretto
Mia lingua italiana , per prima è venuta la lingua. Non è stata una nazione a produrre una letteratura, ma una letteratura a prefigurare il desiderio e il progetto di una nazione italiana. A partire da Dante, Petrarca e Boccaccio. Naturalmente ci sono mancanze e ritardi in un processo forse non del tutto riuscito che ha portato all’Italia unita».In che senso?
«Storicamente le lingue erano frazionate, c’era una radicalità di dialetti, questo è vero. I mille sbarcati in Sicilia non si capivano, Cavour e la classe colta piemontese parlavano francese. Pittoreschi contrasti che però convergevano verso l’unità del paese, perché la lingua e la nostra tradizione letteraria ci hanno insegnato cosa significasse essere italiani e non soltanto fiorentini, lombardi, veneti, piemontesi o siciliani...». Una lezione che i novant’anni di Andrea Zanzotto, veneto di Pieve di Soligo, la vandea leghista, ricordano a tutti a futura memoria.
Fonte La Stampa

domenica 16 ottobre 2011

Manifestazione scippata



 Roma, 15 ottobre 2011



 I soliti teppisti criminali hanno nuovamente rovinato una bella è significativa manifestazione. Ho dato uno sguardo ai vari video della battaglia di Roma, si vedono chiaramente i pacifici manifestanti protestare contro i delinquenti incappucciati, addirittura collaborando con la polizia per arginare la violenza.
Questi teppisti idioti continuano a rovinare tutto, vorrei capire da chi sono organizzati. La violenza è un buon mezzo per delegittimare i movimenti progressisti che mirano ai cambiamenti.
In tutto il mondo ci sono state circa 80 manifestazioni contemporanee degli Indignati,tutte tranquille e pacifiche , solo sempre Noi, i primi della classe in negatività. Bisogna fermarli questi imbecilli , sono gli stessi che fanno casino negli stadi e qualsiasi altra manifestazione, sono dei delinquenti patentati che dovrebbero stare in galera a vita. Possibile che non siano già schedati con obbligo della firma in commissariato durante le manifestazioni ? Sono  solo poche centinaia di unità, perché  mai dobbiamo piegarci ai loro  metodi fascisti?  Isoliamo e buttiamo al macero i  burattinai con le loro marionette del terrore, ormai tutto è chiaro e lampante, sono  degli schifosi privi di valori e dignità al soldo del miglior offerente... La peggior feccia della società.

Se date uno sguardo ai vari video, si capisce benissimo, gli energumeni sono dei veri professionisti della guerriglia, si muovono con disinvoltura seguendo schemi ben precisi.
Queste sono guerriglie urbane studiate a tavolino da menti perverse ed esperte, che per l'ennesima volta  sono riuscite nel loro intento di rovinare la manifestazione e mettere a ferro e fuoco la Città di Roma. 
Un buon motivo per essere ancora di più INDIGNATI! 

Ora si assisterà al solito  teatrino per l'attribuzione della fazione di appartenenza...  Estrema sinistra?Estrema destra? Black bloc? No tav? No global? E quant'altro passa per la testa... Ma non non hanno ancora capito che riconoscendo la loro identità di appartenenza gli viene fatta  solo pubblicità, con il rischio che raccolgano altri adepti. 
Chi delinque è un delinquente e basta! 

venerdì 14 ottobre 2011

Tutti a nanna

Governo Berlusconi alla frutta? Anche il fedelissimo Bossi si annoia. 

venerdì 7 ottobre 2011

Legge bavaglio




Per dire  NO! a questa legge  firmate   QUI !
Forza Amici, dobbiamo arrivare a 750.000 firme, fate il passaparola
con i Vostri contatti.
Con pochi secondi del Vostro tempo avete l'opportunità di difendere la DEMOCRAZIA.

giovedì 6 ottobre 2011

Triste Evento

Ciao Steve, grazie.


lunedì 3 ottobre 2011

Una mia breve poesia


Tempo di vendemmia
Cullati dal tiepido sole,lunghi
filari ornati di grappoli neri,
ondeggiano al mutante umore
del vento , nel mare di verdi
colline che si donano a scarpe
di genti vocianti e festose per il
ricco raccolto da metter nei tini



venerdì 30 settembre 2011

Esempio da seguire

  Islanda, quando il popolo sconfigge l'economia globale
di Andrea Degl'Innocenti
– tratto da http://www.ilcambiamento.it/lontano_riflettori/islanda_rivoluzione_silenziosa.html

L'hanno definita una 'rivoluzione silenziosa' quella che ha portato l'Islanda alla riappropriazione dei propri diritti. Sconfitti gli interessi economici di Inghilterra ed Olanda e le pressioni dell'intero sistema finanziario internazionale, gli islandesi hanno nazionalizzato le banche e avviato un processo di democrazia diretta e partecipata che ha portato a stilare una nuova Costituzione.
Oggi vogliamo raccontarvi una storia, il perché lo si capirà dopo. Di quelle storie che nessuno racconta a gran voce, che vengono piuttosto sussurrate di bocca in orecchio, al massimo narrate davanti ad una tavola imbandita o inviate per e-mail ai propri amici. È la storia di una delle nazioni più ricche al mondo, che ha affrontato la crisi peggiore mai piombata addosso ad un paese industrializzato e ne è uscita nel migliore dei modi.
L'Islanda. Già, proprio quel paese che in pochi sanno dove stia esattamente, noto alla cronaca per vulcani dai nomi impronunciabili che con i loro sbuffi bianchi sono in grado di congelare il traffico aereo di un intero emisfero, ha dato il via ad un'eruzione ben più significativa, seppur molto meno conosciuta. Un'esplosione democratica che terrorizza i poteri economici e le banche di tutto il mondo, che porta con se messaggi rivoluzionari: di democrazia diretta, autodeterminazione finanziaria, annullamento del sistema del debito.
Ma procediamo con ordine. L'Islanda è un'isola di sole di 320mila anime – il paese europeo meno popolato se si escludono i micro-stati – privo di esercito. Una città come Bari spalmata su un territorio vasto 100mila chilometri quadrati, un terzo dell'intera Italia, situato un poco a sud dell'immensa Groenlandia.
15 anni di crescita economica avevano fatto dell'Islanda uno dei paesi più ricchi del mondo. Ma su quali basi poggiava questa ricchezza? Il modello di 'neoliberismo puro' applicato nel paese che ne aveva consentito il rapido sviluppo avrebbe ben presto presentato il conto. Nel 2003 tutte le banche del paese erano state privatizzate completamente. Da allora esse avevano fatto di tutto per attirare gli investimenti stranieri, adottando la tecnica dei conti online, che riducevano al minimo i costi di gestione e permettevano di applicare tassi di interesse piuttosto alti. IceSave, si chiamava il conto, una sorta del nostrano Conto Arancio. Moltissimi stranieri, soprattutto inglesi e olandesi vi avevano depositato i propri risparmi.
Così, se da un lato crescevano gli investimenti, dall'altro aumentava il debito estero delle stesse banche. Nel 2003 era pari al 200 per cento del prodotto interno lordo islandese, quattro anni dopo, nel 2007, era arrivato al 900 per cento. A dare il colpo definitivo ci pensò la crisi dei mercati finanziari del 2008. Le tre principali banche del paese, la Landsbanki, la Kaupthing e la Glitnir, caddero in fallimento e vennero nazionalizzate; il crollo della corona sull'euro – che perse in breve l'85 per cento – non fece altro che decuplicare l'entità del loro debito insoluto. Alla fine dell'anno il paese venne dichiarato in bancarotta.
Il Primo Ministro conservatore Geir Haarde, alla guida della coalizione Social-Democratica che governava il paese, chiese l’aiuto del Fondo Monetario Internazionale, che accordò all'Islanda un prestito di 2 miliardi e 100 milioni di dollari, cui si aggiunsero altri 2 miliardi e mezzo da parte di alcuni Paesi nordici. Intanto, le proteste ed il malcontento della popolazione aumentavano.
A gennaio, un presidio prolungato davanti al parlamento portò alle dimissioni del governo. Nel frattempo i potentati finanziari internazionali spingevano perché fossero adottate misure drastiche. Il Fondo Monetario Internazionale e l'Unione Europea proponevano allo stato islandese di di farsi carico del debito insoluto delle banche, socializzandolo. Vale a dire spalmandolo sulla popolazione. Era l'unico modo, a detta loro, per riuscire a rimborsare il debito ai creditori, in particolar modo a Olanda ed Inghilterra, che già si erano fatti carico di rimborsare i propri cittadini.
Il nuovo governo, eletto con elezioni anticipate ad aprile 2009, era una coalizione di sinistra che, pur condannando il modello neoliberista fin lì prevalente, cedette da subito alle richieste della comunità economica internazionale: con una apposita manovra di salvataggio venne proposta la restituzione dei debiti attraverso il pagamento di 3 miliardi e mezzo di euro complessivi, suddivisi fra tutte le famiglie islandesi lungo un periodo di 15 anni e con un interesse del 5,5 per cento.
Si trattava di circa 100 euro al mese a persona, che ogni cittadino della nazione avrebbe dovuto pagare per 15 anni; un totale di 18mila euro a testa per risarcire un debito contratto da un privato nei confronti di altri privati. Einars Már Gudmundsson, un romanziere islandese, ha recentemente affermato che quando avvenne il crack, “gli utili [delle banche, ndr] sono stati privatizzati ma le perdite sono state nazionalizzate”. Per i cittadini d'Islanda era decisamente troppo.
Fu qui che qualcosa si ruppe. E qualcos'altro invece si riaggiustò. Si ruppe l'idea che il debito fosse un'entità sovrana, in nome della quale era sacrificabile un'intera nazione. Che i cittadini dovessero pagare per gli errori commessi da un manipoli di banchieri e finanzieri. Si riaggiustò d'un tratto il rapporto con le istituzioni, che di fronte alla protesta generalizzata decisero finalmente di stare dalla parte di coloro che erano tenuti a rappresentare.
Accadde che il capo dello Stato, Ólafur Ragnar Grímsson, si rifiutò di ratificare la legge che faceva ricadere tutto il peso della crisi sulle spalle dei cittadini e indisse, su richiesta di questi ultimi, un referendum, di modo che questi si potessero esprimere.
La comunità internazionale aumentò allora la propria pressione sullo stato islandese. Olanda ed Inghilterra minacciarono pesanti ritorsioni, arrivando a paventare l'isolamento dell'Islanda. I grandi banchieri di queste due nazioni usarono il loro potere ricattare il popolo che si apprestava a votare. Nel caso in cui il referendum fosse passato, si diceva, verrà impedito ogni aiuto da parte del Fmi, bloccato il prestito precedentemente concesso. Il governo inglese arrivò a dichiarare che avrebbe adottato contro l'Islanda le classiche misure antiterrorismo: il congelamento dei risparmi e dei conti in banca degli islandesi. “Ci è stato detto che se rifiutiamo le condizioni, saremo la Cuba del nord – ha continuato Grímsson nell'intervista - ma se accettiamo, saremo l’Haiti del nord”.
A marzo 2010, il referendum venne stravinto, con il 93 per cento delle preferenze, da chi sosteneva che il debito non dovesse essere pagato dai cittadini. Le ritorsioni non si fecero attendere: il Fmi congelò immediatamente il prestito concesso. Ma la rivoluzione non si fermò. Nel frattempo, infatti, il governo – incalzato dalla folla inferocita – si era mosso per indagare le responsabilità civili e penali del crollo finanziario. L'Interpool emise un ordine internazionale di arresto contro l’ex-Presidente della Kaupthing, Sigurdur Einarsson. Gli altri banchieri implicati nella vicenda abbandonarono in fretta l'Islanda.
In questo clima concitato si decise di creare ex novo una costituzione islandese, che sottraesse il paese allo strapotere dei banchieri internazionali e del denaro virtuale. Quella vecchia risaliva a quando il paese aveva ottenuto l'indipendenza dalla Danimarca, ed era praticamente identica a quella danese eccezion fatta per degli aggiustamenti marginali (come inserire la parola 'presidente' al posto di 're').
Per la nuova carta si scelse un metodo innovativo. Venne eletta un'assemblea costituente composta da 25 cittadini. Questi furono scelti, tramite regolari elezioni, da una base di 522 che avevano presentato la candidatura. Per candidarsi era necessario essere maggiorenni, avere l'appoggio di almeno 30 persone ed essere liberi dalla tessera di un qualsiasi partito.
Ma la vera novità è stato il modo in cui è stata redatta la magna charta. "Io credo - ha detto Thorvaldur Gylfason, un membro del Consiglio costituente - che questa sia la prima volta in cui una costituzione viene abbozzata principalmente in Internet".
Chiunque poteva seguire i progressi della costituzione davanti ai propri occhi. Le riunioni del Consiglio erano trasmesse in streaming online e chiunque poteva commentare le bozze e lanciare da casa le proprie proposte. Veniva così ribaltato il concetto per cui le basi di una nazione vanno poste in stanze buie e segrete, per mano di pochi saggi. La costituzione scaturita da questo processo partecipato di democrazia diretta verrà sottoposta al vaglio del parlamento immediatamente dopo le prossime elezioni.
Ed eccoci così arrivati ad oggi. Con l'Islanda che si sta riprendendo dalla terribile crisi economica e lo sta facendo in modo del tutto opposto a quello che viene generalmente propagandato come inevitabile. Niente salvataggi da parte di Bce o Fmi, niente cessione della propria sovranità a nazioni straniere, ma piuttosto un percorso di riappropriazione dei diritti e della partecipazione.
Lo sappiano i cittadini greci, cui è stato detto che la svendita del settore pubblico era l'unica soluzione. E lo tengano a mente anche quelli portoghesi, spagnoli ed italiani. In Islanda è stato riaffermato un principio fondamentale: è la volontà del popolo sovrano a determinare le sorti di una nazione, e questa deve prevalere su qualsiasi accordo o pretesa internazionale. Per questo nessuno racconta a gran voce la storia islandese. Cosa accadrebbe se lo scoprissero tutti?


Prelevato da  www.disinformazione.it 

giovedì 29 settembre 2011

Come nasce una crisi economica





mercoledì 21 settembre 2011

Ritagli di vacanza





Viaggio a ROMA

La mia gita lampo di 4 giorni nella Capitale è stata bella e gratificante. Il tempo non ha fatto i soliti capricci , sole splendente e cielo azzurro mi hanno accompagnato sempre , e nonostante i 32/34 gradi raggiunti  si resisteva benissimo, il venticello de Roma ha lavorato con la sua consueta alacrità e bastava un piccolo tratto di ombra per scrollarsi di dosso la calura.
Inutile sprecare parole per definire Roma , la bellezza della Città eterna è famosa in tutto il mondo.
Personalmente sono rimasto affascinato dagli scorci  soavi e romantici di Roma   alternati alla  grandiosità e imponenza dei monumenti e chiese. 
Il mio è stato un po’ un tour de force, in quanto sono riuscito a visitare moltissimi luoghi in poco tempo, ovviamente per visitare bene la Città ci vorrebbero almeno 15 giorni , quindi  seguendo le parole della canzone “ arrivederci Roma” il ritorno appare quasi scontato.
Il viaggio è iniziato con il mitico treno Frecciarossa , partenza 08,12 da Torino Porta Nuova , arrivo a Roma Termini alle 12,29 , un vero record , si viaggiava in certi tratti a oltre i 300 km. orari. Le carrozze del freccia rossa sono comode e confortevoli e la velocità non si avverte.
Con la mia dolce consorte abbiamo alloggiato in un  Hotel centrale vicino alla stazione Termini  con  metropolitana e ogni tipo di trasporto pubblico poco distanti.
La camera matrimoniale dell’hotel era pulitissima e profumata , aria condizionata, servizi , bagno con doccia ,TV, frigorifero , cassaforte e addirittura i vetri doppi per isolare la camera dai rumori esterni.
Direte … Chissà quanto Ti è costata?  eh..eh.. Pochissimo, nella reception dell’Hotel c’era scritto 180 euro a notte. Abbiamo pagato solo 72 euro a notte, con prima colazione inclusa. Come ho fatto? Semplice, ho prenotato online tramite Booking.com , 32 ore circa prima di partire.  Questa società lavora molto bene , compra pacchetti di stanze negli alberghi che poi vengono offerte ad un prezzo variabile, in base alla richiesta del momento. Quando sono entrato nel sito ero non poco titubante , non conoscevo questo gruppo e neanche le modalità di approccio online.
 Dopo aver scelto una decina di Hotel papabili , in base al prezzo e posizione , ho iniziato a saltare da una proposta all’altra , quando è arrivata l’occasione ho creato una carta di credito virtuale e bloccato la camera in pochi minuti.
Alla Stazione di Termini ho acquistato 2 abbonamenti per usufruire di tutti i mezzi pubblici della Città e con soli 11 euro a testa abbiamo girato Roma in lungo e in largo.
Alla sera si pianificava un itinerario, il mattino seguente si partiva alle 07,15 per onorare quanto programmato. 
Ok, per ora chiudo qui , non vorrei annoiarvi dilungandomi troppo. Prossimamente posterò altri dettagli sulla gita a  Roma. Qui sotto ho realizzato un montaggio video delle mie foto.


      


lunedì 12 settembre 2011

SOS VACANZA





Domani mattina prestissimo parto , un piccolo residuo
 di vacanza  è rimasto in sospeso, devo assolutamente
 provvedere. 
Località ancora da decidere, forse Roma. 
Torno presto.  Un abbraccio a tutti.

giovedì 8 settembre 2011

Come impedire il copia incolla



Capita spesso nel web che i propri scritti personali ,  poesie ,o quant'altro ci appartengono  intellettualmente vengano prelevati e pubblicati senza chiedere l'autorizzazione e senza citarne la fonte.
Esiste un modo semplicissimo per complicare un po' la vita a costoro.
Nel post in cui vogliamo impedire il copia incolla , magari abbiamo creato una stupenda poesia e ne siamo gelosi.  
Dopo aver cliccato HTML in alto a sinistra , aggiungere questo codice al fondo del linguaggio HTML del Vostro post, tale quale.



<script language='JavaScript'>
<!--

var message=" Scusa ma non si può! ";

function clickIE4(){
if (event.button==2){
alert(message);
return false; } }

function clickNS4(e){
if (document.layers||document.getElementById&&!document.all){
if (e.which==2||e.which==3){
alert(message);
return false; } } }

if (document.layers){
document.captureEvents(Event.MOUSEDOWN);
document.onmousedown=clickNS4;
}
else if (document.all&&!document.getElementById){
document.onmousedown=clickIE4;
}

document.oncontextmenu=new Function("alert(message);return false")

// -->
</script>




L'unico intervento che potete fare è cambiare la scritta tra le virgolette che ho evidenziato in rosso.
Potete scrivere che ne so? Giù le mani! Qui non si ruba !, o cosa vi passa per la testa , l'importante che sia consono all'argomento trattato.
Naturalmente chi vorrà gratificarvi postando nel proprio blog il Vostro post citandone la fonte, credo potrà essere accontentato tramite mail. Semplice no? Ciao a tutti.


N.B. Premetto che gli esperti in materia possono tranquillamente aggirare il sistema, ma un po' di selezione viene fatta.





domenica 4 settembre 2011

Autoplay per video youtube



Alcuni Amici di blogger mi hanno chiesto istruzioni per far  partire i video youtube in automatico.
Ho pensato di creare un post inerente a questa funzione opzionale aggiuntiva, non sono un esperto
in materia , ma curiosando in giro e smanettando non poco, ho trovato un' ottima soluzione che da
parecchi mesi utilizzo con successo.
Scegliete il video, cliccate su condividi, cliccate codice da incorporare, scegliere il formato del video, cliccare sulla casella  " usa vecchio codice di incorporamento". Cliccare con il tasto destro sul codice
HTML e copiarlo.

Incollatelo nel blog , esattamente come fate normalmente con i video youtube... Ma attenzione !
ora dovete copiare ed inserire questa scritta      &autoplay=1    Nel posto che vi indicherò.

Questo sotto è il codice normale senza autoplay

<object width="480" height="390"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/v/dBrDkf-BCyU?version=3&amp;hl=it_IT"></param><param name="allowFullScreen" value="true"></param><param name="allowscriptaccess" value="always"></param><embed src="http://www.youtube.com/v/dBrDkf-BCyU?version=3&amp;hl=it_IT" type="application/x-shockwave-flash" width="480" height="390" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true"></embed></object>

-------------------------------------------------------------------------------------------------

Questo sotto è il codice modificato,  la scritta    &autoplay=1   dovrà essere inserita dopo la seconda ripetizione di  http://www.youtube.com ecc. ecc.ecc..  esattamente tra la _IT " e le virgolette in alto.

Esempio definitivo
<object width="480" height="390"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/v/dBrDkf-BCyU?version=3&amp;hl=it_IT"></param><param name="allowFullScreen" value="true"></param><param name="allowscriptaccess" value="always"></param><embed src="http://www.youtube.com/v/dBrDkf-BCyU?version=3&amp;hl=it_IT  &autoplay=1  " type="application/x-shockwave-flash" width="480" height="390" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true"></embed></object>

Spero di essere stato chiaro , se avete problemi contattatemi pure.


giovedì 1 settembre 2011

Triste anniversario



2 settembre 2003 , una Stella si è aggiunta al cielo.
Ciao ... indimenticabile Piccola Sara.






Ringrazio Francesco Guccini per questo testo pieno di analogie con la tragedia di Sara e di molti altri giovani innocenti che lasciano questo mondo per colpa dell'imprudenza alla guida.
I morti in incidenti stradali sono sempre troppi , basta con queste stragi !

Prudenza Ragazzi ... Non buttate Via la Vostra Vita!