mercoledì 6 aprile 2011

Lettera al Ministro Brunetta


La mia cara Amica Lucia http://lufantasygioie.blogspot.com/ , mi ha chiesto di divulgare questa sua lettera che invierà al Ministro Brunetta. 
Con enorme piacere accolgo la sua richiesta di aiuto , sperando in una evoluzione positiva della questione.
Forza lucia, Ti vogliamo tutti un mondo di bene.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ho bisogno del VOSTRO AIUTO!

Ecco la mia montagna da scalare.
Dopo l'approvazione da parte di Gianni vi chiedo il vostro aiuto.
Vi chiedo di diffondere questa lettera ,utilizzando uno dei mezzi più potenti che ci siano :il web.
Mi piacerebbe che questa mia lettera,che domani mattina verrà spedita con raccomandata A/R,possa raggiungere quante più città italiane e straniere possibili.
Vi chiedo di dar voce al mio appello,alla mia domanda,alla mia lettera.
Il mio è solo un favore personale,non uno schieramento politico o un cambio di partito.
Credo che sia giusto che ogni lavoratore venga rispettato nella sua totalità di essere vivente che può ammalarsi o prendersi cura di un suo caro,senza dover combattere contro i mulini a vento.
Capirò chi non vorrà divulgare il mio appello e ringrazierò chi farà da ripetitore,chi saprà e vorrà tradurre questa mia lettera in tutte le lingue straniere.
Non posso far altro che aspettare l'evolversi degli eventi,credo che umanamente io non possa fare di più.
Vi ringrazio anticipatamente di voler divulgare la mia voce attraverso i vostri blog, FB e le altre piattaforme esistenti in internet.


Lucia

----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Al Ministro per la Funzione Pubblica 
e l'innovazione nella Pubblica Amministrazione 
Prof. Renato Brunetta


Corso Vittorio Emanuele II,116 00186-Roma



Cervignano D'Adda,(Lo),06/04/2011


Oggetto:Art 73 del D.L. 112 del 2008


Egregio Signor Ministro, sono un'Infermiera professionale di 41 anni,lavoro per l'Azienda Ospedaliera di Melegnano,Milano.
Le ruberò solo 10 minuti del suo tempo perché ci tengo a ringraziarla per le modifiche che ha apportato alla legge 23 dicembre 1996,n 662.
Infatti è grazie alle nuove disposizioni che adesso le Aziende Ospedaliere ,hanno il coltello dalla parte del manico.
Mi creda,ci ho pensato un po prima di scriverle,perché sono consapevole che non leggerà mai questa mia lettera. Ma non importa,io tento ugualmente.
Ho fatto richiesta di part-time per ben 2 volte,17/05/2010 e il 10/11/2010 scrivendo chiaramente che lo richiedevo per problemi di salute.
Evidentemente la salute del cittadino/lavoratore non è così importante come invece si vuol far credere agli elettori in periodo elettorale.
Nel gennaio 2008 ho avuto un primo episodio di Trombosi Venosa Profonda alla gamba sinistra. Dopo la cura ed aver effettuato uno screening trombofiliaco per capire le cause,visto che stavo per compiere 38 anni,a marzo del 2009 sono stata colta dalla seconda trombosi venosa profonda ,sempre alla gamba sinistra.
Da allora,dopo aver avuto una recidiva di trombosi ed aver scoperto di essere affetta da una mutazione genetica del sangue e precisamente del V fattore della coagulazione,sono costretta a prendere ogni giorno e per tutta la vita il Coumadin.
Sono seguita sia da un Chirurgo Vascolare che da un'ematologo del San Raffaele Come lei saprà il Coumadin e tutti gli antiaggreganti piastrinici sono farmaci SALVAVITA....si danno ai portatori di Fibrillazione atriale,ai pazienti che hanno avuto un' ictus ,un 'infarto cardiaco,a chi è portatore di valvole cardiache...e a chi ha la mia stessa patologia.
Il Coumadin è un farmaco importante ma pericoloso,perché il suo dosaggio nel sangue deve restare tra un range preciso,al di sotto si corre il rischio di nuove trombosi e al di sopra di tale range si può incorrere in emorragie. Infatti ogni 20-25 giorni devo effettuare un prelievo di sangue e come lei saprà ,noi lavoratori abbiamo 18 ore di cui possiamo fruire per espletare esami ,indagini,ecc.
Comprenderà che nel mio caso non sono affatto sufficienti,e lavorando dalle 7,30 alle 15,12 non posso far altro che prendere un giorno di ferie o una malattia per poter effettuare tale esame...... Io lavoravo in Pronto Soccorso,ho sempre lavorato in questo reparto di emergenza,anche dopo la recidiva di TVP,ma dovetti scrivere una lettera per farmi trasferire in un reparto più tranquillo,visto che nel Pronto Soccorso arrivano sempre pazienti un po “particolari”.
Dopo la mia lettera venni trasferita presso l'ambulatorio di Oculistica,dove restavo all'in piedi dalle 8,30 alle 16,15,escludendo i 30 minuti della pausa pranzo.
Sono sicura che lei comprenderà che avendo avuto 2 trombosi alla gamba per me era molto difficoltoso e doloroso restare tanto tempo all' in piedi.
Come avrà potuto capire ,non ho mai avuto nessuna limitazione dal medico competente....
Nel novembre del 2009 mi fu diagnosticato un 'ipotetico MCI anamnesico,confermato definitivamente nell'ottobre del 2010.
L'MCI anamnesico non è altro che l'acronimo del Decadimento Cognitivo Lieve.
Praticamente ho problemi di memoria(che statisticamente nel giro di 6 anni evolveranno in Alzhaimer)
Sono seguita dal centro U.V.A. del San Raffaele dove ogni anno mi attende una visita di controllo...perché cure per questa patologia non esistono.
La mia seconda domanda di part time l'avevo presentata dopo aver avuto la certezza di essere affetta anche da questa patologia.
Nel novembre 2010 dopo una Risonanza Magnetica ho scoperto di essere affetta anche da ernia discale a livello L5-S1 posteriore mediana e paramediana destra e protusione discale a sinistra in L4-L5
Costretta di nuovo a prendere carta e penna o mouse e pc , scrissi di nuovo all'Ufficio infermieristico e così dopo colloquio venni spostata dall'ambulatorio di Oculistica a quello della Sala Prelievi.
Purtroppo a gennaio dopo risonanza magnetica del ginocchio destro ho scoperto di essere affetta da Osteocondrite femoro laterale .Questa è una patologie degenerativa del ginocchio,che sembrerebbe dovuta a varie cause (traumatiche,vascolari e immunoreumatologiche),dovrei utilizzare le due stampelle,dette canadesi,per non caricare il ginocchio ed iniziare un ciclo di 30 giorni di magnetoterapia......
Attualmente sono in attesa di sapere se sono affetta anche da qualche malattia immuno-reumatologica,mascherata dal fenomeno di Raynoud
Sono stata costretta a chiedere l'aiuto e l'assistenza di uno studio legale della Camera del Lavoro di Milano,affinché la mia richiesta di part time venisse in qualche modo presa in considerazione.......ma mi sbagliavo!

Perché ad oggi 06 aprile 2011,questa lettera inviata il 2 marzo non ha ancora avuto nessuna risposta!! L'avvocato riproverà a scrivere un sollecito di risposta ,ma mi chiedo:”non sarebbe stato carino o perlomeno da EDUCATI rispondere alla lettera dello studio legale?Non so...anche per dire :”stiamo valutando tutte le domande per il part time,fino a maggio non possiamo darle informazioni più precise.....”
Ecco qui,sign Ministro Brunetta,alla fine di questo mio percorso travagliato e difficoltoso,per nulla conclusosi,non mi restava che scriverle.
Mi scusi per il tempo che le ho rubato,ma sono convinta che lei dovesse sapere che le sue leggi e le sue idee vengono espletate così bene che il part time,si nega perfino a lavoratori/pazienti che non sanno più a quale Santo votarsi(scusi se non ho scritto Partito votarsi!)
So che non prenderà mai in considerazione questa mia lettera ,ma come le dicevo non importa di aver sprecato 1 ora per scriverle.
Ho visto che lei ha un blog,non so se lo gestisce lei...anch'io ne ho 1, le lascio il mio link: http://lufantasygioie.blogspot.com/ quando vorrà passi a trovarmi,troverà questa lettera postata nel mio blog.
Distinti Saluti

Ancona Lucia
....................................................................................................................................................................
Commento di adamus: Incredibile... Un Stato che si ritiene civile non accolga una richiesta di lavoro part time  in un caso specifico come questo. In fondo Lucia non chiede soldi in più , solo più tempo per  potersi curare. Il responsabile dell'ospedale in cui lavora non può gestire il Personale in modo di agevolare una Persona fortemente bisognosa come Lucia? Svegliatevi ragazzi, qui la figuraraccia agli occhi del mondo è proprio  schifosa. Dategli questo benedetto part time a Lucia...cosa aspettate? Assurdo che il capo del Personale non sia in grado di risolvere una questione di sua competenza e ci costringa a rivolgersi al Ministro.

9 commenti:

Lufantasygioie ha detto...

Grazie mille caro Giovanni.
Non avrei mai immaginato ad un messaggio supersunico come questo!
GRAZIE
lu

Lufantasygioie ha detto...

volevo scrivere sonico......
meglio che vada a dormire!
notte

adamus ha detto...

Ciao cara Lu, Ti voglio bene.

giglio ha detto...

Ciao, Adamus,casualmente sono arrivata qui da te.
Bello e interessante è questo blog, ci tengo a farti i complimenti.
Spero di cuore che Lucia venga ascoltata e possa finelmente ottenere un suo diritto.
Buona giornata, Anna

Sandra ha detto...

Anche io farò il possibile. E' un "favore" a tutti noi.

Lina-solopoesie ha detto...

Adamus Ciao.
Sono rimasta anch'io molto colpita da questo doloroso fatto .
Spero che venga accolto questo appello di Lucia . Quello che lei chiede non è altro un suo diritto.. Tanti complimenti a te Adamus per il tuo impegno..Sempre in prima linea sei !
Un caro saluto a Lucia e a te Lina

Paola ha detto...

Ciao Adamus: ho messo anch'io il link della lettera di Lucia e ho visto che in tanti lo hanno fatto: speriamo di fare un bel po' di rumore! certo è che i diritti del comune cittadino che lavora non sono più tutelati grazie a questa specie governanti che abbiamo. E' una vera vergogna. Un abbraccio

angeloblu ha detto...

Mi dispiace sentire queste cose, ma ormai non mi meraviglia più niente...questa è l'italia e questo è il nostro governo, i diritti dei cittadini non vengono mai ascoltati, ci sarebbe davvero da fare qualcosa non restare inermi davanti a tutto ciò...

Un saluto a te Adamus e anche alla cara Lucia...

Simonetta

Francy274 ha detto...

Purtroppo ci siamo lasciati sommergere dalle leggi che decurtano i diritti dei singoli cittadini, e favoriscono chi le applica. I capi del personale hanno un baget extra nel rifiutare richieste di trasferimento o riduzioni dell'orario di lavoro per causa salute. All'ente o al datore di lavoro costa meno se lo stesso si licenzia.
Naturalmente divulgherò la lettera di Lucia, se non altro per svegliare qualche coscienza.
Un caro saluto a Te e a Lucia.