martedì 15 luglio 2008

Grazie, siete fantastici

Nutro grande ammirazione e stima nei confronti di questi bravissimi Operatori!


LA CLOWNTERAPIA


II compito del clown è quello di sdrammatizzare le pratiche sanitarie, mutare segno alle emozioni negative, quali paura, rabbia, delusione, tristezza, farle esprimere, gestirle e virarle al positivo, verso il sorriso, il coraggio, Ia speranza, Ia gioia...




I Clown dottori operano (tranne che in emergenza) sempre in coppia: un meccanismo assai collaudato che consente di essere realmente attivi e terapeutici non solo nei confronti del piccolo ricoverato, ma anche dei genitori presenti e del resto del reparto. Spesso, infatti, alla paura dei piccoli degenti, si unisce anche l’ansia e l’angoscia dei genitori, in una spirale che si autoalimenta. La figura del Clown dottore, cosi, relazionandosi anche con le figure di riferimento dei piccoli, è in grado di stemperare l’ansia e far defluire lo stress del ricovero. Non casualmente Ia sola presenza dei Clown dottori è in grado di mutare radicalmente l’atmosfera dei reparti.



Cos'è la Clownterapia

è uno strumento spontaneo e naturale che ci confronta con un bisogno innato in noi, la necessità di giocare, privataci dai primi anni di crescita, all'insegna del vivere da "persone serie".

Guarire con un sorriso. Basta un naso da pagliaccio, un capello buffo e qualche scherzetto per far dimenticare ai malati, soprattutto se bambini, di essere in ospedale. Introdotta da qualche anno anche in Italia, la clownterapia, o comicoterapia, sta ottenendo risultati davvero sorprendenti. Come dimostra il recente caso dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, in cui due artiste specializzate in questi interventi, hanno distratto una bambina albanese che doveva sottoporsi ad un esame particolarmente doloroso.

Nata negli anni ’70, la clownterapia si è fatta conoscere soprattutto grazie al film ispirato al medico americano Hunter PATCH ADAMS (interpretato da Robin Williams), oggi 56enne, uno dei primi ad affrontare il tema della terapia della risata. In Europa, i primi medici clown sono comparsi in Francia, grazie all’impegno della Fondazione “Le Rire Médecin” . Da noi sono arrivati 5 anni fa, grazie all’impegno dei fratelli Olshansky, fondatori dell’associazione “Soccorso clown” , ma anche della Fondazione Garavaglia di Rho e di “Ridere per Vivere” a Roma. Oggi si contano a decine gli istituti italiani che utilizzano la “terapia del sorriso”. “Ci sono migliaia di studi, di documenti, di ricerche - spiega il celebre Patch Adams - che dimostrano l'enorme importanza dell'umorismo per la salute. I ricercatori hanno trovato una relazione importante: quando si è allegri nel nostro organismo avvengono delle reazioni chimiche: si produce un aumento di endorfine e di catecolamine e una diminuzione di secrezione del colozolo (il colesterolo cattivo). Ossia la risata è uno stimolante per il sistema immunitario e comporta molti effetti positivi sul cuore e sui polmoni”.

A conferma di tutto questo è arrivato, ad esempio, anche uno studio del New York Presbyterian Hospital, dove la clownterapia è molto diffusa, che ha dimostrato per alcune patologie una diminuzione della degenza e un minor uso di anestetici. Cosa riuscita proprio al Meyer di Firenze, dove per la prima volta si è ricorso a due artiste clown (Giovanna Pezzullo e Ornella Esposito) durante un intervento di biopsia ossea su una bambina dodicenne, evitando l’utilizzo dell’anestesia (è stata usata solo quella locale). Distratta dai giochi delle due “finte” dottoressa, la bambina ha retto senza problemi la lunga e dolorosa operazione (venti minuti).




4 commenti:

pierangela ha detto...

buon giorno adamus è bello il tuo blog ritornero"

PuntoCroce ha detto...

Ciao Adamus, grazie per il commento che hai lasciato sul mio blog, mi ha fatto un immenso piacere. Mi piace molto il tuo, perchè trasmette la tua grande sensibilità e il tuo enorme rispetto per il prossimo (doti rare...) Per quanto riguarda questo post ti posso dire, per mia esperienza personale, che è veramente utile per i bambini ricoverati questo sistema terapeutico, li aiuta a superare questi momenti difficili e a ricordare solo i momenti positivi...
Ho deciso di assegnarti il Premio Brillante, quando vuoi passare dal mio blog a ritirarlo...
So che lo hai ricevuto di recente da Paola, ma blog come i tuoi andrebbero premati ogni giorno!
A presto
maria rosa

sole ha detto...

ciao adamus!
molto bello questo post dedicato alla clownterapia!i bambini molte volte hanno paura del camice bianco,ed è imporatnte per loro che questo ruolo di medico non nutra in loro sono paura,quindi questi dottori travestiti da clown che con le loro pazzie e giochi fanno divertire questi bambini bisognosi di cure,è proprio utile!e poi come si dice:"UNA RISATA AL GIORNO TOGLIE IL MEDICO DI TORNO..."
CIAO CIAO!
htt://babi-india.blogspot.com

Grazia e Imma Sotgiu ha detto...

ciao Adamus bellissimo post, tutti ogni tanto nella vita dovremmo trasformarci in clown per sdrammatizzare le situazioni spiacevoli, salutoni imma