domenica 25 gennaio 2009

27 gennaio giorno della memoria



Olocausto, l'orrore da non dimenticare
La liberazione dei prigionieri di Auschwitz data simbolo della Shoah: Si celebra il Giorno della Memoria mentre nel mondo c'è ancora chi vuole considerare il genocidio degli ebrei un'invenzione
L’Italia ricorda. Il 27 gennaio, per il sesto anno, l’Olocausto degli ebrei entra nelle scuole, nei musei, nelle piazze dove si svolgeranno comizi e manifestazioni. Un dovere, ricordare, come hanno sottolineato nei loro interventi in questi giorni personalità politiche e della cultura, gli ormai pochissimi sopravvissuti.
Auschwitz, una giornata per ricordare l'orrore


Ricordare perché non accada mai più. Questo il senso della «Giornata della memoria», un evento che si celebra contemporaneamente in gran parte del mondo occidentale per commemorare le vittime dei campi di concentramento nazisti. Il 27 gennaio è una data altamente simbolica: nel 1945, infatti, le avanguardie delle truppe sovietiche raggiunsero il campo di concentramento di Auschwitz (l'odierna Oswiecim, in Polonia). Per la prima volta, l'orrore della «Soluzione finale» escogitata da Hitler e dai suoi gerarchi per liberarsi, una volta per tutte, della «questione ebraica», apparve nella sua banale, allucinante realtà. Ad Auschwitz trovarono la morte, uccisi nelle camere a gas o dagli stenti, quattro milioni di uomini, donne, bambini. Quasi tutti ebrei. Ma furono sterminati anche zingari, omosessuali, testimoni di Geova, oppositori politici e altri «nemici» del Reich millenario. Nel complesso, le vittime della Shoah, o Olocausto, furono circa sei milioni.








OLOCAUSTO, LA VERGOGNA DELL'UMANITA' !

15 commenti:

la signora in rosso ha detto...

no coment

Paola ha detto...

Per non dimenticare mai...
ciao Adamus.

stella ha detto...

Grazie della memoria Adamus!

Paola ha detto...

Ciao Adamus,
buona domenica...rispondo alla tua sensazione...
Non dipende dall'essere contraccambiata è che ogni tanto si è più tristi di altri giorni e quindi si accentuano le emozioni...

Per il tuo post non ci sono parole solo il bisogno di rimanere in silenzio per commemorarli e riflettere... si riflettere e non aggiungo altro...

Buona continuazione di giornata bacioni!!!

Gabry in blog Belella ha detto...

Anche io ho preparato qualcosa per non dimenticare questa brutta pagina della nostra gioia, per ricordare e non farlo accadere mai più.

Un saluto Adamus e buon inizio settimana!

stella ha detto...

Adamus e la tua poesia?

Saverio ha detto...

Di fronte a certe rievocazioni non si può che riflettere in silenzio e sperare che non debba accadere più una tale crudeltà.
Ciao

Paola ha detto...

E' molto triste vedere queste immagini ma bisogna riproporle sempre perchè quella tragedia non si debba più ripetere, nei confronti di nessuno .
Grazie
Ciao Adamus

Pupottina ha detto...

non bisogna dimenticare...
anche io per domani ho scelto una poesia... per non dimenticare


BUON INIZIO SETTIMANA

stella ha detto...

La tua bella poesia è in elenco.

Melina2811 ha detto...

credo che determinate cose non si dimenticheranno mai ... anche se determinati politici hanno già dimenticato o fanno finta che non siano mai accaduti determinati fatti. Maria

Anonimo ha detto...

Non potrei,per me è qualcosa che mi rivolta le viscere..non riesco a rassegnarmi alle stragi..a persone che mortificano altre..
un bacio maddy

tarta ha detto...

non dimenticare ... ma soprattutto raccontare .... non nascondere
i giovani devo vedere!

Anonimo ha detto...

Che orrore,mi sono venuti i
brividi vedere questa crudelta,
Ciao Adamus Gianna...

Paola ha detto...

Ciao Adamus,
già commentato in precedenza questo post...volevo solo lasciarti un sorriso...sono felice di averti toccato il cuore ricordando i tuoi "periodi da favola"...
Dolce serata un bacio